Top

Cibus Off 2019, il salotto gourmet di Parma dal 6 al 14 aprile

In programma un ricco cartellone di appuntamenti quotidiani, con showcooking degli stellati Moreno Cedroni, Matteo Metullio, Giuliano Baldessari, Terry Giacomello e Massimo Spigaroli e gli chef di Parma Quality Restaurants

Parma, 3 aprile 2019 – Dopo il successo di pubblico del 2018, torna Cibus Off: l’appuntamento è a Parma, dal 6 al 14 aprile 2019. L’evento, corollario a Cibus Connect, il format destinato agli operatori F&B promosso da Fiere di Parma per lo sviluppo internazionale del made-in-Italy alimentare, intende celebrare l’identità gastronomica di Parma, promuovendo le filiere del territorio, dal Parmigiano Reggiano DOP al Prosciutto di Parma DOP, dalla pasta al pomodoro, passando per le conserve ittiche, il latte e i prodotti lattiero-caseari. Cibus Off apre il calendario di eventi di Parma UNESCO Creative City of Gastronomy: altri momenti clou del 2019 saranno Giardini Gourmet, nei mesi di maggio e settembre, e Settembre Gastronomico, con l’attesa Cena dei Mille di martedì 3 settembre.

Cibus Off, come tutti gli eventi inquadrati nel progetto Parma UNESCO Creative City of Gastronomy, è il frutto di una collaborazione pubblico-privato, con pochi eguali in Italia. A promuoverlo sono il Comune di Parma e la Fondazione Parma UNESCO City of Gastronomy, con la regia operativa di Parma Alimentare e dell’associazione “Parma, io ci sto!”. A sostenere Cibus Off sono realtà impegnate nella promozione della cultura gastronomica, dai Consorzi del Parmigiano Reggiano DOP e del Prosciutto di Parma DOP a Parma Quality Restaurants da ALMA – La Scuola Internazionale di Cucina Italiana a importanti aziende alimentari. È il caso di Barilla, primo player mondiale nella produzione di pasta, di Mutti e Rodolfi Mansueto, impegnate nella lavorazione dell’Oro Rosso parmense (il pomodoro da conserva), di Parmalat, azienda leader nel settore del latte in Italia, e del network di imprese riunite sotto il brand “Le Alici a Parma”, quindi Delicius Rizzoli, L’Isola D’Oro, Rizzoli Emanuelli e Zarotti. Importanti sono anche i contributi, sotto il profilo scientifico e didattico, dell’Università degli Studi di Parma, di Giocampus e di Madegus – Maestri del Gusto, e, sotto il profilo musicale, del Teatro Regio di Parma – Verdi Off.

IL PARMA QUALITY RESTAURANTS A CIBUS OFF
Per tutta la durata di Cibus Off, grandi protagoniste saranno le filiere made-in-Parma: oltre a Parmigiano Reggiano DOP e Prosciutto di Parma DOP, pasta (è parmigiano il marchio di pasta secca più famoso nel mondo), pomodoro (la città ducale è uno dei principali distretti del pomodoro da industria in Italia), conserve ittiche (le migliori alici portano la firma di Parma) e latte e altri prodotti lattiero/caseari. A promuoverne la cultura di prodotto e a suggerirne ai foodie in arrivo a Parma un utilizzo originale in cucina saranno gli chef di Parma Quality Restaurants, il Consorzio che riunisce 28 ristoratori espressione della migliore cucina parmense. Sotto il coordinamento del Presidente Enrico Bergonzi, la squadra di Parma Quality Restaurants animerà ogni giorno più show cooking: il programma completo è disponibile sul sito www.parmacityofgastronomy.it. Gli chef coinvolti saranno: Maria Anedda, Ristorante “Les Caves”; Isabella Chiussi, Ristorante “Osteria Il Bersò”; Nicole Zerbini, Ristorante “La Porta a Viarolo”; Michele Buia, Ristorante “Trattoria Il Cortile”; Filippo Cavalli, Ristorante “Osteria dei Mascalzoni”; Davide Censi, Ristorante “Antichi Sapori”; Andrea Nizzi, Ristorante “12 Monaci”. A loro, in qualità di special guest, si affiancherà anche chef Roberto Conti, che da poco ha lasciato il Ristorante stellato “Trussardi alla Scala” di Milano, dove era Executive Chef, e lo chef Carlo Casoni: il primo interpreterà il tema della pasta per Barilla, il secondo sarà protagonista di una ode al pomodoro per Mutti.

Per programma completo dell’evento, ospiti, laboratori, incontri, menù: http://www.parmacityofgastronomy.it/cibus-off/

Cibus Off è promosso dal Comune di Parma e dalla Fondazione Parma UNESCO Creative City of Gastronomy, sotto la regia di “Parma Io Ci Sto!” e Parma Alimentare, il progetto Parma UNESCO Creative City of Gastronomy si propone di valorizzare le eccellenze gastronomiche della Food Valley parmense e di promuovere il brand Parma come destinazione turistica foodie. È il risultato della collaborazione tra Istituzioni, Consorzi di Tutela e importanti aziende alimentari. Main partner: il Consorzio del Parmigiano Reggiano DOP, il Consorzio del Prosciutto di Parma DOP, Barilla, Delicius Rizzoli, L’Isola d’Oro, Mutti, Parmalat, Rizzoli Emanuelli, Rodolfi Mansueto e Zarotti. A curare la consulenza gastronomica sono ALMA – La Scuola Internazionale di Cucina Italiana e Parma Quality Restaurants. Coinvolti nel progetto sono anche Giocampus, Università degli Studi di Parma e Teatro Regio di Parma – Verdi Off.

Share