Top

Ripartiamo! Il protocollo per tornare al ristorante in totale sicurezza

Ripartiamo! Il protocollo per tornare al ristorante in totale sicurezza

Un confronto costante per arrivare preparati alla riapertura, proponendo soluzioni e procedure concrete, nel totale rispetto della nuova normativa obbligatoria in materia di sicurezza. È questa la strada intrapresa dai trenta soci del Parma Quality Restaurants, che nel momento del lockdown hanno continuato a lavorare e a incontrarsi virtualmente attraverso riunioni online e telefonate, per stilare un protocollo interno utile a una ripartenza in totale sicurezza, con modalità operative pratiche e chiare che riguardassero la gestione dello staff, l’accoglienza del cliente e la comunicazione verso l’esterno.

Da questo confronto quotidiano, mediato dalla consulenza della dottoressa Luana Giusti, specialista ispezione alimenti O.A., è stato individuato un vademecum con le regole da seguire per applicare il Protocollo per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 del 14 marzo 2020, Protocollo del 14 marzo 2020 e Protocollo della Regione Emilia Romagna relativo all’attività di somministrazione alimenti e bevande, che tutti i ristoranti del consorzio si sono impegnati a rispettare.

Un’azione condivisa e trasparente, riassunta in 12 punti per spiegare al clienti come ospitalità e sicurezza siano criteri imprescindibili per la ripartenza dell’attività lavorativa che gradualmente, dal 18 maggio al 1° giugno, ha riguardato tutti i soci del Parma Quality Restaurants, che con soddisfazione sono ritornati nelle loro cucine e nelle sale dei ristoranti, dall’Appennino alla Bassa Parmense, passando per la città.

Solo per citarne alcune, le regole individuate riguardano: dal favorire le prenotazioni orarie per evitare attese inutili al clienti, alla scelta di soluzioni digitali o usa e getta per i menù; dalla pulizia dei tavoli con cambio tovaglie ad ogni rotazione dei clienti, al distanziamento fra tavoli tale da garantire almeno 1 metro fra commensali di postazioni diverse; dall’uso di mascherine per il personale di cucina e sala al monitoraggio della salute del personale all’ingresso.

«Si tratta logicamente di misure che rispecchiano in pieno le direttive nazionali e regionali e che sono frutto di un lungo percorso che ha messo attorno a un tavolo, seppur virtualmente, tutto il gruppo del Parma Quality Restaurants, ancora prima che fossero presentate le linee guida ufficiali – spiega il presidente Andrea Nizzi -. Fra i presupposti del nostro consorzio c’è la collaborazione e il lavoro di squadra e questa imprevedibile situazione che siamo stati costretti ad affrontare, ha dimostrato che insieme è più facile rialzarsi e che aiutandosi a vicenda le difficoltà non sono insormontabili. Proprio per questo, siamo sempre aperti al dialogo con gli altri colleghi, mettendo a disposizione di tutti il disciplinare redatto».

«Fin da subito è stato chiaro che la riapertura non sarebbe stata facile, che occorreva rimboccarsi le maniche e porre al primo posto la sicurezza come valore base per avere fiducia dagli ospiti – prosegue Nizzi -. E questo protocollo ne è la dimostrazione. Vuole diventare una specie di garanzia in più per i clienti che stanno tornando a vivere l’esperienza ristorativa nei nostri locali e che giustamente chiedono garanzie di qualità nell’accoglienza, unite al piacere del magiare fuori casa».

Share

Anche durante il difficile momento di chiusura dei locali, gli chef del Parma Quality Restaurants sono vicini ai propri clienti con il servizio Food Delivery.

Cliccate per scoprire tutti i dettagli